oppure iscriviti
Avessi avuto un Drone negli anni '90...
Pubblicato da Marco Bisi in data 18-01-2018
...probabilmente oggi sarei miliardario. Ieri sera ho guardato, con un po' di nostalgia, la prima puntata della trasmissione di Savino dedicata agli anni 90 su Italia 1 e mi sono venute in mente alcune considerazioni che credo siano valide anche oggi, nonostante siano passati 20 anni. Una premessa è d'obbligo: negli anni '90 avevo una società che operava nel settore delle video produzioni; il mio lavoro principale era nel settore automobilistico (dalla F1 fino ai campionati nazionali) ed in quello relativo alla cronaca (per mediaset e rai).

Eravamo agli albori della video produzione, si operava con telecamere Betacam ed il montaggio video su computer era ancora una questione riservata a pochi "eletti" (ho anin garage un computer con windows 95 e scheda Razor costato allora circa 30 milioni di lire...).


Realizzavo filmati per piloti quali Schumacher, Irvine, Fisichella, Zanardi, Coulthard, Badoer e tanti altri, ero reperibile 24 ore su 24 per TG5, TG4, TG RAI, Realizzavo il primo filmato del concerto di Biagio Antonacci a Milano e di altri artisti, in pratica, facevo un lavoro che, nella mente di molti, era invidiabile.


Perchè scrivo tutto questo in un sito di Dronisti? Beh, a guardar bene, oggi, con le tecnologie a disposizione di un numero sempre maggiore di persone (visti i bassi costi), la professionalità viene sempre meno.


Se negli anni '90 per poter operare con le televisioni dovevi attendere la visita di un tecnico in guanti e camice bianco che certificava la tua attrezzatura video (costata come minimo 100 milioni di lire), con il passare degli anni ho assistito ad un'involuzione della qualità; oggi la maggior parte dei servizi è realizzata con cellulari da operatori occasionali che nulla hanno a che vedere con la professionalità.


Veniamo quindi ad oggi ed al mondo dei Droni. Chiunque può entrare in un centro commerciale e comprarsi un DJI (o analogo modello). Averlo a disposizione non vuole dire essere un operatore professionale perchè manca una parte fondamentale che negli anni '90 faceva la differenza: la componente artistica.


Essere oggi operatori di Droni NON DEVE bastare. Serve la passione, la voglia di sperimentare nuove tecniche di ripresa, la capacità di offrire prodotti che si elevino sulla massa. Da "vecchietto" quale sono, cari ragazzi vi dico che la morte negli anni '90 del settore video e fotografico fu la concorrenza al ribasso del prezzo dei servizi.


Voglio augurarmi che oggi, in un settore ancora in crescita come è quello dei Droni, non si ripeta l'errore di allora a tutto vantaggio solo di chi commissiona un lavoro e non di chi ha investito 100, 1000, 10000, 100000 euro per la propria professione.



Non fate i nostri stessi errori, ma fate in modo che la professionalità vi venga riconosciuta.



Carpe diem.
In bocca al lupo a tutti i dronisti.
Per questo sostengo sempre più il principio dell'unione che fa la forza.
Un grazie a... Marco Bisi

Galleria Fotografica

Riferimento ENAC: 5920
60
Operazioni:
Non Critiche
Categoria:
<4Kg

1Quale drone scegliere per iniziare? - Andrò sicuramente controcorrente rispetto a quello che pare essere un pensiero comune che recita... "per iniziare, meglio scegliere un drone di ultima generazione che abbia tutte le tecnologie di volo assistito". Dal mio punto di vista, questo non è...
2Il futuro dei Droni arriva dal passato - A Las Vegas si è appena concluso il CES 2018, vero punto di riferimento mondiale del settore. Tante le novità delle maggiori case (Dji e Yuneec in testa) e tante le Aziende emergenti che hanno presentato prodotti innovativi che però... Ecco, il punt...
3Avessi avuto un Drone negli anni '90... - ...probabilmente oggi sarei miliardario. Ieri sera ho guardato, con un po' di nostalgia, la prima puntata della trasmissione di Savino dedicata agli anni 90 su Italia 1 e mi sono venute in mente alcune considerazioni che credo siano valide anche oggi...
Nome: Dron&motions
Descrizione: Dron&motions nasce dall'idea di raggruppare operatori SAPR professionisti per poter offrire servizi specializzati in tutta Italia.
Con la convinzione che "l'unione fa la forza" ritengo importante, in questa fase di forte sviluppo del settore, la possibilità di offrire al mercato una consulenza ad hoc per ogni esigenza. Il "faccio tutto io" non è nelle mie corde e per questo motivo credo sia importante creare un ambiente di lavoro dove sia possibile una collaborazione tra professionisti specializzati ognuno nei propri campi.